La motivazione nasce dalle emozioni: il leader inclusivo è una guida che sa emozionare chi lavora con lui.
È proprio come la musica che, se ben suonata, regala emozioni. Allo stesso modo il leader deve essere “accordato” ed autentico.
Il leader inclusivo deve avere l’abilità di immaginare un percorso e, come in un’orchestra, deve pretendere degli allineamenti che sono fondamentali per essere tutti orientati allo stesso obiettivo.

Le principali attività del leader inclusivo possono essere sintetizzate in:
◽ Capacità di connettere
◽ Capacità di fare sintesi operative
◽ Capacità di essere metodici.

Quando si parla di Leadership inclusiva è bene sottolineare che essa è soprattutto leadership al femminile.
Sono state svolte numerose indagini che avevano come obiettivo quello di mettere a confronto gli stili di leadership maschili e femminili.
I risultati hanno mostrato che le donne sono pari (in alcuni casi superiori) sotto ogni aspetto, fatta eccezione per uno: le donne appaiono meno abili nel trasmettere la loro visione (lasciamo a voi le riflessioni sul risvolto culturale), ma sono più abili nel trasmettere idee e sentimenti. Si parla di Leadership trasformazionale e coinvolgente per le donne e di leadership transazionale per gli uomini.

Per saperne di più scrivici a info@r-consulting.it

 

Società autorizzata dal Ministero del Lavoro per la Ricerca e Selezione del Personale – Prot. 13/I/0004474 e per il Ricollocamento Professionale Prot. 39/0002719/Ma004.A003

Newsletter